MIUR
Seguici su: IEMO su Facebook IEMO su Twitter IEMO su Youtube Feed RSS

Procedura degli esami

Corsi

Corsi per diplomati
Corsi per professionisti
Corsi per Osteopati
Corsi ECM


Procedura degli esami

IN SINTESI

La qualità internazionale degli studi comporta metodi formativi specifici e un impegno superiore. Gli esami rappresentano un’occasione essenziale per accrescere e integrare le conoscenze.

Da subito gli studi alternano le lezioni teoriche alla pratica manuale ad esse collegata. La verifica della formazione premia la competenza diagnostica e la consapevolezza interdisciplinare della materia osteopatica;

Lo studente partecipe, costante nell'apprendimento e disponibile alla condivisione delle conoscenze, coronerà certamente col successo i propri studi presso l'Istituto.



COMPETENZE RICHIESTE
Verrà valutato, non solo il profitto negli studi, ma soprattutto come le nuove acquisizioni professionali vengono integrate nelle competenze cliniche pregresse. Il professionista dovrà dimostrare di saper assimilare le conoscenze osteopatiche teoriche e cliniche a quelle fisiopatologiche, radiologiche e mediche convenzionali. Egli identificherà le indicazioni e le contro-indicazioni di trattamento, esemplificherà il percorso di valutazione del paziente e riprodurrà le tecniche di normalizzazione per la restituzione dell’integrità funzionale del soggetto affetto da disfunzioni somatiche.

SESSIONI D'ESAME
In due sessioni annuali verrà data la possibilità di superare i seguenti esami:
  1. prova osteopatica scritta
  2. prova osteopatica pratica;
  3. esame di fisiopatologia;
  4. esame di radiologia e diagnosi per immagini.

Il superamento delle prove osteopatiche in prima o seconda sessione, rispettivamente a giugno e ottobre, è vincolante per il passaggio all’anno successivo di corso.
Il mancato superamento delle prove fisiopatologiche e radiologiche durante le due sessioni ordinarie non impedisce la promozione, ma impone il buon esito delle medesime in occasione delle sessioni straordinarie da potersi effettuare nei soli 12 mesi consecutivi alla prima sessione ordinaria utile.
La tassa d'esame per le sessioni straordinarie è pari a Euro 40,00.
In caso di insuccesso in uno o due esami osteopatici durante le sessioni ordinarie, lo studente ripeterà integralmente l’anno di corso, versando una tassa scolastica ridotta del 50%. In caso di insuccesso o di mancato sostenimento delle altre prove nei 12 mesi successivi alla prima sessione ordinaria, l’iscritto interromperà la frequenza dell’intero corso fin tanto che non avrà superato le prove in questione. Sono fatte salve deroghe specifiche deliberate dalla Direzione esclusivamente in casi eccezionali.

EFFICIENZA
L’Istituto predispone meccanismi per evitare gli abbandoni, attuando una serie di provvedimenti a sostegno dell’impegno studentesco:
  • Selezione in entrata: solo chi possiede attitudine e corretta informazione accede ai corsi;
  • Piccoli gruppi classe (massimo 25 / 30 iscritti) per garantire la migliore trasmissione delle informazioni e la stretta interattività nelle esercitazioni pratiche;
  • Docenti Tutor e Assistenti qualificati per ogni anno di corso. Coordinatori didattici responsabili per ogni necessità personale e collettiva;
  • Sessioni di esame ordinarie e straordinarie durante l’anno di studi per recuperare per tempo i debiti formativi;
  • Integrazioni e supplementi di frequenza teorica, pratica e clinica in caso di necessità individuali;
  • Attenta verifica delle presenze e della partecipazione attiva in Istituto;
  • Insegnamento della deontologia professionale a partire dall’educazione dei comportamenti in aula;
  • Certificazione della formazione solo alla fine dell’anno scolastico (verbale durante gli esami; ratifica finale per l’attribuzione complessiva dei crediti).

PROVE CLINICHE E TESI DI FINE STUDI
L’Istituto costituisce tutte le commissioni d’esame, comprese le commissioni degli esami di fine studi. In casi particolari, le commissioni vengono composte anche da rappresentanti di altri Istituti di formazione. La prova clinica finale viene effettuata al termine del sesto anno di corso mediante la visita e il trattamento completo di un paziente osteopatico. La Tesi di fine studi dovrà rispondere ai criteri stabiliti dalla Direzione, come pubblicati a seguito dell’approvazione del Comitato scientifico.